Pagamenti: nel 3Q i ritardi gravi calano del 16,7%

Nel terzo trimestre del 2017 i ritardi gravi nei pagamenti calano del  16,7%.

Nel Q3 del 2107, il 26,3% delle aziende risulta puntuale nei pagamenti, mentre il 17%è in ritardo di oltre un mese

La puntualità dei pagamenti è in crescita, ma il numero di imprese in grado di rispettare i tempi contrattuali con i fornitori è ancora basso: soltanto il 38,2%, infatti, salda le fatture alla scadenza, il 51,3% entro il mese di ritardo, mentre il 10,5% è gravemente ritardatario.

Questi sono alcuni dei dati che emergono dall’Osservatorio Studio Pagamenti di Cribis, società del gruppo Crif, specializzata nelle informazioni commerciali su aziende italiane ed estere.

I numeri relativi al commercio al dettaglio evidenziano che solo il 26,3% delle aziende risulta puntuale, mentre il 17% effettua i pagamenti con oltre un mese di ritardo.

Il comparto dei servizi finanziari è quello più performante: la quota delle aziende virtuose si attesta al 48,7%, mentre i ritardi gravi sono dell’8%. Dopo i servizi finanziari, si distinguono l’industria e la produzione (44,5% di imprese puntuali, 6,8% di ritardi gravi).

Il Veneto si conferma la prima regione per puntualità (47,6 %) seguito dall’Emilia Romagna (47,4%) e dalla Lombardia (47,1%), Friuli Venezia Giulia (45,5%) e Trentino Alto Adige (41,1%).

Potrebbero interessarti anche...